- LA RINGHERIA L’E’ EL NOSTER DESTIN - Teatro cvp

Centro Don Virginio Pedretti - Teatro Parrocchia San Pio X.
Vai ai contenuti

Menu principale:

- LA RINGHERIA L’E’ EL NOSTER DESTIN

Livello 9



LA RINGHERIA L’E’ EL NOSTER DESTIN

14 Aprile 2018 – ore 21:00

Commedia con Rivista musicale in 2 atti di Maurizio Maratea & Paolo Cambiaghi
Compagnia teatrale LA MARTESA DUE – Cernusco S/N.
Regia di Maurizio Maratea & Paolo Cambiaghi

IL FINALE DI STAGIONE sarà all’insegna del divertimento e della commedia di dialetto milanese con una RIVISTA MUSICALE, in compagnia di un gruppo di amici di Cernusco S/N. che in questi 20 di attività con il CVP Teatro ha allaciato un forte legame di collaborazione.
Il “Gruppo della Martesana 2” ha trovato nei testi dei Legnanesi, la famosa compagnia dialettale fondata da Felice Musazzi a Legnano nel 1949, lo spunto per riportare sulle scene la vita dei cortili, i vecchi mestieri, i modi di dire e di fare, la semplicità ed i valori della convivenza della gente semplice di una volta. Una solidarietà non sbandierata, ma vissuta quotidianamente sulla ringhiera, insieme ai vicini di casa… situazioni talvolta paradossali che ci fanno vedere con nostalgia e leggerezza “il come eravamo”.
Chi li segue da anni ha sempre riscontrato un divertimento assicurato ad ogni rappresentazione. La compagnia ha trovato due veri trascinatori che hanno saputo far crescere e migliorare di volta in volta tutti gli attori ed i tecnici del gruppo… ed il pubblico che accorre numeroso ad ogni stagione è una dimostrazione concreta del loro successo, che ripaga le ore passate a provare e riprovare dialoghi, canzoni, balletti.
La famiglia Colombo, con Teresa, Mabilia, il povero Giovanni e l’ambientazione del cortile, rende unico il genere e lo spettacolo, raccontando le storie della tipica famiglia lombarda. In ogni rivista c’è tutto il talento del gruppo amatoriale, con costumi colorattissimi e scenografie di grande impatto. Dalle scene umoristiche ispirate all’attualità, ai tradizionali cliché comico sentimentali, uniti da un filo conduttore e dalla grande presenza scenica dei personaggi.
Torna ai contenuti | Torna al menu